Home - ''Il mio libro'' - Capitolo 17. PROVVIDENZA

Capitolo 17. PROVVIDENZA

Solo a 26 anni si può essere tanto incoscienti da mollare un lavoro sicuro senza avere nessuna
alternativa. Eppure, praticamente solo per difendere una questione di principio,
lasciai l’amato lavoro al consorzio.
Un minuto dopo aver dato le dimissioni, cominciai a domandarmi: e ora che si fa?
Sono giunta ad una conclusione: quando devo prendere decisioni importanti, i casi sono
due. O sono dura d’orecchi (possibilità da non escludere a priori), oppure lo Spirito Santo
non concede spesso a chi lo invoca precise e chiare indicazioni su come comportarsi.
Almeno non a me.
Ma un paio di volte nella vita il messaggio è arrivato e ritengo che questa sia stata una
di quelle. Come poteva altrimenti venirmi in mente, a fine 1990, di intraprendere un
lavoro... inesistente (o perlomeno che io non sapevo esistesse) volendolo fare come libero
professionista!
Eppure, zac! Folgorazione! Capii: mi misi a fare la libera professione occupandomi di
PR. Pronta per cominciare.
Magari cogli l’ispirazione dello Spirito Santo, ma poi sei tu che devi far tornare i conti
economici. Infatti, inizialmente entusiasta dell’idea, cominciai a demoralizzarmi vedendo
quanto mi sarebbe costato metter su un ufficio: mobili, telefono, fax, affitto, etc. Il
tutto finiva inesorabilmente con il comportare mutui, debiti e via dicendo.
C’è chi la chiama fortuna, chi in modo meno elegante; io invece la chiamo Provvidenza.
Ecco i fatti.
Da Varese e Zurigo decidono improvvisamente di trasferirsi a Montepulciano
due bravi architetti. Cercano un ufficio da dividere con un altro professionista per
ammortizzare le spese. Eccomi sono qui!
Siccome la fortuna è cieca ma la Provvidenza ci vede benissimo, i due si portano
dietro tutti i mobili dei loro vecchi uffici così io non mi devo comprare niente.
Ciliegina sulla torta ci compriamo tutte le attrezzature, dividendole per tre.
Confesso: è stato decisamente un bell’inizio, ma negli anni successivi far quadrare il bilancio
è stato decisamente meno facile.

powered by TeamDEV on JoshuaCMS